Gialloverdi

Come preannunciato su questa pagina, ritornare al voto per i partiti in caduta libera, in particolare per Forza Italia e per gli interessi di Berlusconi sarebbe stato un rischio troppo grande. Si farà il governo 5 stelle-Lega quindi, rispettoso della volontà popolare e inedito assoluto in Europa. La vera partita dei prossimi mesi – e la grande curiosità – sarà proprio il rapporto tra il governo nazionale gialloverde e le istituzioni europee, le posizioni su bilancio europeo, rispetto dei trattati, immigrazione, il consenso o la rottura con gli altri paesi.

Per adesso, l’Italia dovrebbe fare i complimenti a Mattarella per il modo ineceppibile con il quale ha gestito la crisi. E per il futuro invece, se il neonato governo trovasse paradossalmente in Europa dei punti di contatto proprio con Macron?